Foto aerea del Resort Paradù con mare, piscina e pineta

La domotica Kblue soddisfa le esigenze dei villaggi vacanze

Il caso studio dei resort sulla Costa degli Etruschi

Da sempre, il concetto chiave che guida Kblue è la flessibilità. I prodotti della linea ETH permettono le più differenti applicazioni: dalla classica abitazione, agli uffici ed alle aziende, fino alle strutture ricettive. E proprio nel settore dell’hospitality nasce un caso studio interessante perché offre soluzioni semplici e concrete ad esigenze complesse ed impellenti, comuni a tutti gli operatori del settore.

Chalet del glamping Paradù

Il primo caso di studio: il resort Paradù a Donoratico (LI)

Il resort Paradù a Donoratico (LI) ha storia recente: nasce dalla ristrutturazione di un Club Med™ e, proprio in occasione di questo rifacimento, è stato pensato il progetto di automatizzazione del villaggio. Durante i lavori, infatti, è stata posata una dorsale di circa 16 km di fibra ottica, elemento indispensabile per mettere in comunicazione tutte le zone del villaggio, difficilmente raggiungibili dal segnale WiFi a causa della fitta pineta. L’opera di collegamento ha visto in prima linea il Kblue Point Cameli Sat (specializzato in lavori di networking) che, supportato dal nostro rivenditore di zona Toscana Service Technology, ha potuto poi offrire al committente efficaci soluzioni a diverse necessità che sono emerse nel corso degli anni.

Supervisione dei punti antincendio

La prima richiesta sollevata dal proprietario del resort è stata quella di dislocare dei punti antincendio in tutto il villaggio. Si tratta di cabine, dotate di sirena e citofono, nelle quali l’ospite può segnalare un’emergenza incendio entrando in contatto diretto con un operatore nella sala di controllo principale. Grazie all’utilizzo di moduli master ETH-MY88 e del web server ETH-WEB+, l’operatore dispone ora di una mappa interattiva del resort sulla quale sono riportati tutti i punti antincendio e attraverso cui può attivare una o più sirene per avvisare gli ospiti di un’eventuale evacuazione della zona o di tutto il villaggio.

Punto di chiamata antincendio

Monitoraggio dei livelli dell’acqua

Nel punto più alto del Paradù sono presenti delle cisterne per la raccolta dell’acqua piovana che servono tutto il resort. Installando delle sonde 0-10 V e collegandole al modulo master ed al web server, è ora possibile controllare il tempo reale il livello d’acqua presente per evitare di rimanere improvvisamente a secco. Sono stati inoltre impostati degli alert via SMS/chiamata in base al livello raggiunto dall’acqua.

In modo simile sono stati collegati anche i pozzi che portano dall’esterno l’acqua al villaggio: da interfaccia web è possibile supervisionare il funzionamento dell’impianto e attivarlo/disattivarlo all’occorrenza. È stato inoltre installato un galleggiante per monitorare il livello di troppo pieno delle pompe collegate ai pozzi.

Infine, sono stati installati dei sensori antiallagamento nel locale tecnico posto sotto le piscine che, per la posizione in cui si trova, è a forte rischio in caso di improvvisi e violenti acquazzoni.

Cabina di trasformazione dell’energia elettrica

Sempre sullo stesso modello di monitoraggio in tempo reale dell’impianto, è stato installato un sistema di climatizzazione all’interno di una cabina di trasformazione dell’energia elettrica da 15.000 V che raggiungeva prima temperature troppo elevate. Grazie al web server Kblue è ora possibile mantenere sotto controllo la temperatura della cabina sia in locale, dalla sala di controllo principale, sia in remoto tramite web app.

Controllo degli interruttori magnetotermici

Un’ultima esigenza emersa riguarda i quadri d’aria, tutti dotati di interruttori magnetotermici con contatto di sgancio. Considerata la grandezza del resort era indispensabile conoscere in tempo reale l’eventuale disattivazione di un interruttore magnetotermico, ovunque esso si trovi. Grazie all’installazione dei moduli ETH-I44 si è potuta soddisfare anche questa necessità e garantire una supervisione completa tramite web server.

La supervisione dell'impianto del resort Paradù

Foto aerea del villaggio vacanze CSA

Il secondo caso di studio: CSA Holiday House Hotel a Marina di Bibbona (LI)

Il CSA Holiday House Hotel a Marina di Bibbona (LI) è una struttura di nuova gestione. È composta da 4 torri dalle forme futuristiche che ospitano camere e ristorante, ed è immersa in 60.000 mq di pineta che termina direttamente sulla spiaggia e sul mare.
Anche qui i lavori sono iniziati con la posa della fibra ottica che ha permesso di mettere in comunicazione le diverse zone del villaggio, stabilendo in una delle quattro torri il centro di controllo di tutto l’impianto.

Comunicazione all’interno del villaggio

Le richieste del committente hanno molti punti in comune con quelle di altre strutture ricettive. Sono stati creati dei collegamenti per ottenere una segnalazione puntuale relativa ai sistemi di ventilazione e agli allarmi del tirante bagno delle numerose stanze della struttura. Sfruttando le integrazioni Modbus, invece, si è proceduto al controllo della temperatura dei fancoil per il raffrescamento/riscaldamento di tutto l’hotel. Infine, sono stati creati degli automatismi per controllare il varco di accesso che mette in comunicazione il villaggio con la spiaggia: apertura e chiusura ad orari prestabiliti e la possibilità per gli ospiti di accedere anche fuori orario tramite badge.

Accesso alla spiaggia tramite cancello CSA Holiday Village

La supervisione dell'impianto del CSA Holiday House

La struttura degli impianti Kblue

Nonostante la grande quantità di moduli in campo, la struttura dei due impianti Kblue è particolarmente semplice. Si tratta infatti di impianti a stella con un punto di controllo centrale dal quale si diramano tutti i collegamenti verso le varie zone del resort. La dorsale in fibra ottica è ovviamente un plus non indifferente per un funzionamento tempestivo e stabile dell’impianto.

Nel complesso sono stati utilizzati i moduli ETH-MY88, ETH-WEB+, ETH-S64RB ed ETH-I44. Il risultato complessivo è frutto di una sinergia tra il Kblue Point Cameli Sat ed il reparto assistenza del rivenditore Toscana Service Technology che ha fornito un supporto importante nella fase di programmazione dell’impianto.

Parola al Kblue Point

“Ho scelto Kblue perché è unico nel settore, il collegamento via LAN tra le master è uno dei punti chiave per la buona riuscita dell’impianto. La programmazione si è rivelata semplice nelle sue funzionalità ma particolarmente lunga per la grande quantità di moduli in campo: in questo è stato fondamentale il contributo di Toscana Service Technology. Grazie alle sue logiche semplici, un progetto di questo genere è facilmente replicabile per tutte le strutture che hanno esigenze simili”.

Maurizio Cameli - Cameli Sat Tweet

Installatore

Cameli Sat di Burgalassi Agnese | via Vittorio Veneto, 24 – Donoratico (LI)
info@camelisat.it | 0564 774391

Rivenditore

Toscana Service Technology | via Volontari della Libertà, 22 – Empoli (FI)
info@toscanaservice.com | 0571 401524

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.